GILDA degli Insegnanti CATANIA

Sito formato grafico

Viale Vincenzo Giuffrida, 172 95128 Catania

telefono 095432850 fax 095504016


Accessibilità


Puoi trovarci a CATANIA
lunedì, mercoledì e venerdì  dalle 17 alle 19.30  al  quarto piano CALTAGIRONE viale M. Milazzo 169 tel. 093322947
lunedì mercoledì venerdì dalle 17 alle 19


 
 
 
 
 
 
 
 
 

Decreto e graduatoria definitiva concorso primaria, assegnazione posti scuola dell'infanzia e posti in deroga sostegno

decreto graduatoria definitiva concorso infanzia
graduatoria definitiva concorso infanzia
assegnazione USP posti scuola dell'infanzia
posti di sostegno organico di diritto in deroga 2014/2015


Scatti d´anzianità e immissioni in ruolo: la denuncia dei sindacati

È già passato un mese dalla conversione in legge del decreto che assicurava il pagamento degli scatti di anzianità e il ripristino delle posizioni economiche del personale Ata, ma dell´atto di indirizzo che ne doveva completare l´iter normativo anche attraverso il previsto passaggio contrattuale non c´è nessuna traccia.
Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals-Confsal, Gilda esprimono una vibrata protesta e sollecitano il Governo ad emanare rapidamente tale atto, propedeutico all´avvio del negoziato all´Aran. Una trattativa che la stessa legge impone di concludere entro il 30 giugno. Non si può attendere oltre, non c´è nessuna ragione plausibile per questo ritardo inspiegabile e del tutto ingiustificato.
Altro provvedimento che rischia di rimanere sulla carta è quello relativo al piano pluriennale delle immissioni in ruolo. Dopo cinque mesi dalla conversione in legge del decreto "l´Istruzione riparte", che prevedeva una serie di ulteriori passaggi attuativi per perfezionare le misure previste, tutto è fermo, mentre è assolutamente indispensabile rendere operativo il piano già dal prossimo primo settembre.
Quella descritta è una situazione del tutto insostenibile, che rischia di veder vanificati per colpevoli inerzie obiettivi che sono fortemente attesi dal personale della scuola e che sono da mesi al centro dell´iniziativa sindacale. Questioni su cui da parte del governo sono fin qui venuti ripetuti annunci, ma nessun fatto concreto: tutto ciò non è più tollerabile, servono risposte immediate, mancando le quali si attiveranno formalmente le procedure di avvio delle necessarie iniziative di mobilitazione.


Grande partecipazione all'assemblea della Gilda degli Insegnanti di Catania con temi di esclusivo interesse per i colleghi precari

La grande affluenza dei docenti precari alla assemblea dell'11 aprile, dimostra quanto interesse abbia suscitato, alla luce di importanti scadenze, questa assemblea presso la parte più debole del mondo della scuola: il precariato.

In ogni caso dimostra e rafforza la convinzione della Gilda degli insegnanti che, per i colleghi ancora non stabilizzati, non si deve mai mollare la battaglia per risolvere tale annoso problema il quale coinvolge e tocca, anche,  il futuro di parecchie famiglie.
Il collega, Giorgio La Placa, facente parte del coordinamento nazionale precari del sindacato, ha, sapientemente, illustrato gli aspetti salienti della normativa per la compilazione della istanze di inserimento nelle GAE e dato suggerimenti nella compilazione di tali istanze, per evitare errori.
Il Coordinatore provinciale e Vice-coordinatore nazionale, Filippo Tortorici, ha trattato temi di natura sindacale sul precariato e sottolineato come la Gilda degli Insegnati, da sempre, è in trincea per difendere gli interessi dei docenti precari e del precariato scolastico in genere.
Interessantissimo e seguito con attenzione l'intervento dell'avvocato del sindacato, Concetto Ferrarotto, il quale ha portato a conoscenza dei colleghi presenti, l'attuale situazione sul ricorso alla Corte Europea avanzato dalla Gilda, sulla stabilizzazione dei precari del mondo della scuola. Dettagliata e chiara l'esposizione che, con linguaggio non tecnico, ha fatto luce sulla questione e sui suoi possibili sviluppi.
Numerosi e ben articolati gli interventi di colleghi e le domande a quesiti specifici.
La Gilda degli Insegnanti, presso la propria sede, è, comunque, disponibile a qualsiasi ulteriore approfondimento.


FGU a Madia: ritirare circolare sui permessi

Il ministro Madia ritiri o rettifichi la circolare riguardante le assenze dei dipendenti pubblici per motivi di salute. A chiederlo è la Federazione Gilda Unams in una nota inviata oggi alla titolare della Pubblica amministrazione.
Il provvedimento finito nel mirino del sindacato è quello firmato dall´ex numero uno di Palazzo Vidoni, Giampiero D´Alia, che taglia drasticamente le ore di permesso concesse ai lavoratori per sottoporsi a visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici.
"In virtù di questa circolare - spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Fgu - il personale della pubblica amministrazione, per curarsi, sarà costretto a utilizzare i tre giorni annui di permessi personali. Nei casi di patologie gravi, che richiedono terapie e trattamenti lunghi, il dipendente ammalato dovrà necessariamente avvalersi delle ferie, in spregio - commenta Di Meglio - ai più elementari principi costituzionali riguardanti ferie e diritto alla salute. Per non parlare, poi, dei precari ai quali non è riconosciuto alcun permesso retribuito".
"Inoltre la circolare - conclude il coordinatore nazionale della Fgu - è illegittima perché interviene unilateralmente su una materia regolata dalla contrattazione nazionale collettiva".


Classi di concorso atipiche 2014-2015


Il Miur, nella nota 3119 del 1 aprile 2014, conferma, nell´attesa della riforma delle classi di concorso, le tabelle di atipicità delle discipline insegnate nei Licei e negli Istituti Tecnici e Professionali, finalizzate a salvaguardare la titolarità dei docenti presenti nell´istituzione scolastica, la ottimale determinazione delle cattedre e la continuità didattica.
In presenza, nella scuola, di più di un titolare di insegnamenti "atipici", si darà la precedenza a coloro che, in relazione al numero dei posti, risulteranno collocati con il maggior punteggio nella graduatoria di istituto unificata incrociando la varie graduatorie, nel rispetto delle precedenze di cui all´art. 7 del CCNI sulla mobilità.
Nell´ottica dell´equilibrata distribuzione, le ore degli insegnamenti di lingua e letterature italiana, lingua e cultura latina, storia e geografia del primo biennio del liceo classico, dovranno essere assegnate prioritariamente alla classe 52/A.
Si richiama la nota prot. n. 679 del 4 maggio 2012 relativamente all´attribuzione della ore di geografia degli indirizzi "amministrazione, finanza e marketing" e"turismo" alla classe 39/A e solo, in fase residuale, al fine di evitare la creazione di personale in esubero, anche ai titolati della 60/A.
L´ora di Geografia generale ed economica prevista dall´art.5, comma 1, del decreto legge 12 settembre 2013, n. 104 convertito, con modificazione, dalla legge 128/13, è assegnata alla 39/A. In fase residuale, al fine di evitare la creazione situazioni di soprannumerarietà all´interno della istituzione scolastica, tali ore possono essere assegnate anche alla 50/A e 60/A .
Per l´articolazione "calzatura e moda" in attesa della definizione della nuova classe di concorso gli insegnamento di Tecnologie dei materiali e dei processi produttivi e organizzativi della moda e ideazione, progettazione e industrializzazione dei prodotti moda, in via transitoria, sono da riferirsi alla 68/A e alla 70/A.
Analogamente anche per l´insegnamento di "logistica" dell´indirizzo "trasporti e logistica" per le articolazioni si è fatto riferimento alle seguenti classi di concorso 1/A, 14/A, 15/A, 20/A, 53/A, 55/A e 56/A (costruzioni del mezzo), 1/A, 14/A, 15/A, 53/A, 55/A, 56/A (conduzioni del mezzo) e 14/A, 53/A, 55/A e 56/A (logistica). 


Assemblea sindacale per i colleghi precari indetta l'11 aprile dalle ore 8.30 alle 11.30 presso l'Istituto Alberghiero "Karol Woytjla" di Catania

solo per i docenti a tempo determinato

La Gilda degli insegnanti si batte da sempre con il massimo impegno e con coraggio nella lotta al precariato e nel miglioramento delle condizioni del corpo docenti, continuamente vessato e spesso sottovalutato nel suo ruolo fondamentale di educatore. In occasione dell’apertura delle GAE prevista per il 10 aprile 2014, la Gilda vuole organizzare in data 9 aprile un’assemblea provinciale, che vuole essere anche luogo di incontro e di dibattito sui temi più controversi e sulle principali problematiche. Uno spiraglio nella confusione in cui i seguenti ordine del giorno:

-Aggiornamento Graduatorie ad esaurimento ed istituto

-Situazione precariato: abilitazioni, TFA, PAS, concorsi,

-diplomi magistrali abilitanti,

-pagamento ferie

-Stabilizzazione: Corte di giustizia europea

-Prospettive sulle immissioni in ruolo

indizione assemblea sindacale 11 aprile (da scaricare e consegnare a scuola se non dovesse essere pervenuta)


ATTENZIONE AVVISO IMPORTANTE: si comunica che i contratti stipulati giorno 1 aprile scorso possono essere ritirati dagli interessati presso l'USP di Catania.


La Corte di Cassazione produce una sentenza storica: insultare un insegnante nell'esercizio delle sue funzione è oltraggio a pubblico ufficiale.

Così è stata condannata una madre che durante un incontro scuola-famiglia aveva oltraggiato e insultato una docente. Con la reintroduzione di tale reato nel 2009, la Corte di Cassazione ha sentenziato che un insegnante è pubblico ufficiale quando esercita le sue prerogative professionali.

Quì un breve stralcio, illuminante, della sentenza: "....tali elementi sussistevano" poiché "le ingiurie furono pronunciate nei locali scolastici in modo tale da essere percepite da più persone"; inoltre "l'insegnante di scuola media è pubblico ufficiale" e "l'esercizio delle sue funzioni non è circoscritto alla tenuta delle lezioni, ma si estende alle connesse attività preparatorie, contestuali e successive, ivi compresi gli incontri dei genitori degli allievi".


Pubblichiamo le graduatorie provvisorie del concorso. Le discipline coinvolte sono: A043, A050, A051 e A052

graduatoria provvisoria concorso A043
graduatoria provvisoria concorso A050
graduatoria provvisoria concorso A051
graduatoria provvisoria concorso A052
decreto pubblicazione graduatorie provvisorie A043, A050, A051 e A052

modello reclamo


Piano di dimensionamento scuole della Regione

Nota USR sul piano di dimensionamento regionale delle scuole 2014/2015
decreto sul ridimensionamento delle scuole 2014/2015
dimensionamento regionale scuole 2014/2015


Assunzioni del personale docente su posti di sostegno (Legge n. 128/2013).  Chiarimenti.

Pubblichiamo una nota di chiarimento per i neo assunti su posti di sostegno pervenutaci dal ministero con necessità di ampia pubblicizzazione

 pervenutaci dal ministero con necessità di ampia pubblicizzazione


Scatti stipendiali: i sindacati sollecitano l´atto di indirizzo

La legge 19 marzo 2014, n. 41, di conversione del decreto‐legge 23 gennaio 2014, n. 3, recante disposizioni temporanee e urgenti in materia di proroga degli automatismi stipendiali del personale della scuola, è stata pubblicata sulla GU n.69 del 24‐3‐2014.
Il coordinatore nazionale della FGU-Gilda, Rino Di Meglio, congiuntamente ai segretari di Cisl-scuola, Uil-scuola e Snals-Confsal, ha inviato al Ministro, on. Stefania Giannini, formale richiesta di immediata emanazione dell´atto di indirizzo all´ARAN da parte del Governo per la prevista sessione negoziale.
Occorre infatti con urgenza concludere positivamente una vicenda che riguarda le retribuzioni di tutto il comparto e che continua a creare tensione nel personale e nelle scuole.
Di seguito pubblichiamo il testo integrale della lettera


Mobilità 2014/2015: prorogata la presentazione delle domande

L´ Amministrazione, che si era dichiarata disponibile a monitorare il funzionamento del SIDI, nella giornata di oggi, con nota prot. n. 2953, ha deciso di prorogare il termine per le domande dei docenti fino alle ore 18.00 del 2 aprile 2014.
Al momento restano ferme tutte le altre scadenze.


PAS, 150 ore, sostegno, soldi ai supplenti: le risposte del Miur

In seguito ad alcuni incontri richiesti appositamente dalla Gilda-Unams al MIUR per dare risposte a urgenti istanze dei colleghi precari, vi comunichiamo il raggiungimento di questi principali importanti risultati:
- Attivazione corsi di specializzazione sul sostegno: alla presenza del dott. Mancini, in rappresentanza della Conferenza dei Rettori, il MIUR ha sollecitato l´attivazione, nei tempi più rapidi possibili, di corsi di specializzazione nell´insegnamento di sostegno nelle numerose regioni dove ancora non sono stati attivati, come Sardegna, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed altre.
- Attivazione corsi PAS On Line: il MIUR ha assicurato che saranno trasmesse in questi giorni le istruzioni operative per attivare le procedure di immatricolazione ai corsi on line per quei corsi PAS che non sono stati attivati nelle regioni.
- 150 ore per i corsisti PAS: il MIUR condivide la necessità di accelerare la concessione formale dei permessi, in adempimento alla nota 1646 e darà indicazioni in tal senso agli UU.SS.RR. che non hanno ancora provveduto ad estendere l´accesso ai permessi ai corsisti PAS.
- Classe di concorso A056: il MIUR riconosce la validità del titolo di accesso ai colleghi precari storici che hanno conseguito il titolo prima dell´entrata in vigore del DM 39/1998.
- Soldi ai supplenti: in seguito alle ulteriori decise sollecitazioni il MIUR provvederà nei prossimi giorni alla liquidazione degli stipendi dei precari ancora privi di retribuzione. 


Quota 96, trovare subito copertura finanziaria

"Il niet della Ragioneria dello Stato alla soluzione per la vicenda di Quota 96 è una doccia fredda per i 4000 docenti cui spetta di andare in pensione, un´ingiustizia che bisogna assolutamente sanare trovando in tempi rapidi la necessaria copertura finanziaria. La politica ha creato questo brutto pasticcio, approvando la riforma Fornero senza considerare la peculiarità dei requisiti pensionistici per gli insegnanti, e la politica deve porvi rimedio".
A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.
"Nonostante il consenso bipartisan, la proposta di legge Ghizzoni-Marzana si è infranta contro la mancanza di risorse economiche e adesso, per superare l´impasse, serve l´intervento di Palazzo Chigi. Le esigenze di risparmio non possono gravare sugli insegnanti che hanno pieno diritto ad andare in pensione e - conclude Di Meglio - danneggiare così anche i precari in attesa dell´immissione in ruolo.


Le immissioni in ruolo del 10 marzo per il sostegno

Infanzia
fino a Gangemi Vincenza

Primaria
fino a Sciuto Matilde

AD00
fino a  Piccione Gabriella (graduatoria riservisti esaurita e possibili tra 12 e 14 ultreiori immissioni in ruolo da GAE)

AD01
fino a Di Marco Pizzongolo Caterina

AD02
fino a Barbagallo Angela I. (possibili ulteriori due posti da GAE)

AD03
fino a Licciardi Marianna

AD04
fino a Spadaro Laura Gisella


Pratica sportiva e verifica delle economie

Nella giornata del 5 marzo, assente il direttore generale del Bilancio Filisetti, l´ incontro programmato per fare il punto sulle economie relative alla pratica sportiva per il 2012/13 ed il 2013/14 è stato presieduto dalla dott.ssa Davoli, la quale ha consegnato alle OO.SS. il prospetto allegato.
La nostra delegazione, come già in passato, ha proposto alla direzione generale del Bilancio di riassegnare le economie sempre alla pratica sportiva, dato che le risorse di anno in anno si vanno riducendo sempre di più, rendendo asfittica un´ attività che invece andrebbe incrementata.
La nostra proposta si è trovata in piena sintonia con la direzione generale dello Studente, ma le altre OO.SS. si sono differenziate proponendo rispettivamente di destinare le suddette economie al recupero degli scatti, alle ore eccedenti, oppure di riversarle al FIS.
L´ incontro, pertanto, si è concluso con un nulla di fatto, in
attesa dell´ atto d´ indirizzo per il recupero degli scatti relativi al 2012. 


A tutti i colleghi precari interessati al ricorso per la stabilizzazione

Il giorno 27 marzo presso la Corte di Giustizia Europea si terrà finalmente l´udienza per dirimere la questione della stabilizzazione dei docenti precari della scuola che è stata avviata dalla Gilda degli Insegnanti e dalla Flc-CGIL .
Confidiamo che, viste le recenti valutazione della Commissione UE sull´uso scorretto della reiterazione dei contratti a tempo determinato nel nostro Paese, siano prese in considerazione dai Giudici Europei e venga finalmente accolta la sacrosanta richiesta di procedere alla stabilizzazione del personale precario della scuola che da anni viene assunto con contratti annuali a tempo determinato su posto vacante con particolare riferimento all´organico di fatto.
Nelle more della decisione della Corte di Giustizia Europea sta crescendo strumentalmente l´invito fatto da altri sindacati e associazioni di avviare procedure di "ricorsi" di varia natura.
La FGU-Gilda degli Insegnanti, come è sua consuetudine ed essendo attore della causa, invita i colleghi interessati ad attendere il dispositivo della sentenza e intanto di comunicare la loro disponibilità ad avviare i ricorsi in ottemperanza della sentenza che speriamo sia positiva.
Solo conoscendo il contenuto della sentenza che dovrà essere accolta dallo Stato Italiano possiamo infatti organizzare strumenti di difesa e applicazione del diritto conseguenti ed efficaci senza speculare sulle aspettative e speranze dei precari della scuola.


Bandi di concorso e modulistica per il personale ATA

bandi
addetto aziende agrarie
assistente amministrativo
assistente tecnico
collaboratore scolastico
cuoco
guardarobiere

infermiere

modulistica
allegato H
allegato B1
allegato B2
allegato F


Pubblichiamo la graduatoria definitiva infanzia e A019 con relativi decreti, decreto organico IRC a.s. 13/14, decreto ripartizione posti sostegno e calendario immissione in ruolo di sostegno a.s. 13/14.

decreto graduatoria definitiva infanzia
graduatoria definitiva infanzia
decreto graduatoria definitiva A019
graduatoria definitiva A019
decreto ripartizione posti sostegno Siclia a.s. 13/14
calendario immissione in ruolo sostegno Catania a.s. 2013/2014


Su segnalazione del nostro avv. Concetto Ferrarotto, pubblichiamo una importante sentenza della Cassazione sul diritto del dipendente all'accesso al proprio fascicolo personale

Vi allego una recente sentenza della Cassazione con cui si conferma la validità di una mia vecchia tesi:

Il pubblico dipendente (nel caso della sentenza un dipendente del Ministero della Giustizia) ha diritto all'accesso a tutti gli atti inerenti il proprio rapporto di lavoro, quindi a tutto il fascicolo personale, e la relativa causa è considerata causa di lavoro, attinente alla giurisdizione del Tribunale del Lavoro.

Non è quindi necessario rivolgersi al TAR per il rispetto della legge sulla trasparenza (L. 241/90).

La questione è importante sotto vari profili:

a) il diritto è pieno e totale, cioè concerne qualunque atto del rapporto di lavoro, senza che l'Amministrazione possa discernere tra ciò che è o meno rilevante (diversamente quindi da quanto accade in tema di accesso amministrativo);

b) non sarà necessario sostenere i costi ben più elevati del processo amministrativo;

c) La reazione del dipendente al diniego dell'Amministrazione non soggiace ai tempi stretti della L. 241/90 e può essere reiterata;

d) ritengo che tutte le amministrazioni, quindi anche quella scolastica, dovranno conformarsi e non opporre oltre ostruzionismi vari.

 - Unica controindicazione: il processo del lavoro (soprattutto a Catania) è parecchio più lungo, come durata, rispetto al processo amministrativo per acceso agli atti.

Buon lavoro

avv. Concetto Ferrarotto

sentenza Cassazione diritto dipendente ad accesso al proprio fascicolo personale


PAS: 150 ore e aspiranti esclusi. Chiarimenti

Sono stati sollevati alcuni quesiti, da parte di aspiranti ai PAS esclusi per mancanza del titolo di studio valido per la partecipazione alla classe di concorso prescelta, circa la possibilità di essere riammessi alla partecipazione per altra classe di concorso per la quale siano invece in possesso dei relativi requisiti.
Al riguardo il Miur, con nota PAS 1645 di data odierna, ritiene che tali richieste possano essere accolte, previa istanza degli interessati alla medesima Regione a cui è stata indirizzata l´originaria domanda di partecipazione ai PAS. Ovviamente fermo restando l´anno di servizio prestato nella nuova classe di concorso richiesta.
Con riguardo alle 150 ore di diritto allo studio, in considerazione dell´interesse primario degli aspiranti PAS a frequentare i corsi abilitanti, il Miur, facendo seguito alla nota 12685 del 25 novembre 2013, con nota PAS 1646 di data odierna, precisa che le 150 ore del diritto allo studio potranno essere frazionate tra più beneficiari, utilizzando anche le ore non assegnate ai docenti già assegnatari dei suddetti permessi.  Il  limite del 3% della dotazione organica (di cui al D.P.R. 395/88) deve essere riferito infatti al monte ore massimo da attribuire e non al numero dei docenti.
A titolo esemplificativo, si legge nella nota, ai fini della determinazione del numero dei beneficiari dei permessi, "i posti part time e le frazioni orario possono dar luogo ad un aumento di pari entità dei permessi concedibili, sempre entro i limiti del 3% della dotazione organica".


Mobilità 2014-2015, pubblicata l´ordinanza ministeriale


Con nota prot. n. 655 del 28 febbraio è stata trasmessa l´ordinanza ministeriale n. 32 oncernente le norme di attuazione del C.C.N.I. in materia di mobilità del personale docente, educativo ed ATA per l´anno scolastico 2014/2015.
Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale docente ed educativo è fissato al 28 febbraio ed il termine ultimo è fissato al 29 marzo 2014.
La presentazione delle domande va effettuata obbligatoriamente via web utilizzando l´applicazione del MIUR "istanze on-line".
Di seguito lo scadenzario per le successive operazioni e per la pubblicazione dei movimenti :
a) personale docente
scuola dell´infanzia
- termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 11 aprile
- pubblicazione dei movimenti: 6 maggio
scuola primaria
- termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 6 maggio
- pubblicazione dei movimenti: 27 maggio
scuola secondaria di I grado
- termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 26 maggio
- pubblicazione dei movimenti: 17 giugno
scuola secondaria di II grado
- termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 14 giugno
- pubblicazione dei movimenti: 4 luglio
b) personale educativo
- termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 5 maggio
- pubblicazione dei movimenti: 26 maggio
In allegato il testo dell´ordinanza ministeriale, con la nota di trasmissione.


Pubblichiamo il decreto e la graduatoria definitiva del concorso per e l'infanzia, la ripartizione delle cattedre per l'assunzione sul sostegno

decreto di pubblicazione graduatoria definitiva  concorso infanzia
graduatoria definitiva concorso infanzia
posti disponibili per assunzione in ruolo sostegno


Scatti 2012, accelerare l´iter legislativo

"Sugli scatti di stipendio bisogna fare in fretta e chiudere la partita entro il 24 marzo, quando scadrà il testo del decreto legge".
La Gilda degli Insegnanti chiede al Parlamento di premere l´acceleratore sulla vicenda delle progressioni di carriera, rivolgendosi in primo luogo ai senatori che oggi nell´aula di Palazzo Madama inizieranno la discussione del dl approntato dall´ex ministro Carrozza dopo la bagarre con il ministero dell´Economia.
"Occorre procedere spediti - afferma la Gilda - e aprire in tempi rapidi la trattativa all´Aran, evitando così di perdere i 120 milioni di euro già stanziati, frutto delle economie derivanti dalla ‘riforma Gelmini´. 
Ci auguriamo che l´intenzione espressa dal neo ministro Giannini di abolire gli scatti di anzianità non condizioni l´iter legislativo. Anzi - conclude il sindacato - chiediamo con forza al Governo di rimuovere il blocco anche per il 2013".


Mobilità 2014-2015, sottoscritto il CCNI

In un incontro convocato al Miur, è stato sottoscritto dalle OO.SS. e dall´Amministrazione il CCNI sulla mobilità del personale docente e ATA per l´a.s. 2014/15.
Come è noto, l´ipotesi di accordo era stata sottoscritta in data 17 dicembre 2013.
Per il personale docente, le domande di trasferimento dovranno essere presentate via internet, tramite la piattaforma istanze on line, con le seguenti scadenze:
- da venerdì 28 febbraio a sabato 29 marzo 2014.


Piano PD scuola: luci e ombre, attendiamo confronto con governo

Ok a stabilizzazione dei precari, attraverso il progressivo svuotamento delle graduatorie, e alla revisione delle legge Fornero sulle pensioni per i docenti. Pollice verso, invece, per assunzione diretta da parte delle scuole e laurea ad hoc per salire in cattedra.
E´ un giudizio "grigio" quello espresso dalla Gilda degli Insegnanti in merito alle anticipazioni della stampa sul piano per la scuola del Pd targato Renzi.
"Attendiamo il documento ufficiale - spiega il coordinatore nazionale Rino Di Meglio - ma da quanto riportato oggi dal quotidiano la Repubblica emergono luci e ombre sulle quali ci auguriamo di avere presto un confronto con il governo che sta per formarsi.
Alcuni punti, come l´intenzione di immettere in ruolo i precari e di stabilire deroghe alla riforma Fornero sulle pensioni, sono ampiamente condivisibili. Siamo contrari invece all´idea, che appare molto fumosa, di una laurea ad hoc: per i docenti della scuola primaria è già previsto un titolo di studio specifico ma per medie e superiori il discorso è diverso perché è necessaria una specializzazione in base alla materia di insegnamento".
La Gilda boccia categoricamente l´assunzione diretta da parte dei presidi, "una proposta alla quale ci siamo sempre opposti e che - sottolinea Di Meglio - continueremo con forza a contrastare perché all´insegnamento nella scuola pubblica statale, come prevede la Costituzione, si accede soltanto attraverso concorso".


BES, DSA, PDP... la Scuola alla sagra degli acronimi

La Gilda degli insegnanti di Padova organizza il 25 febbraio 2014
dalle 9.00 alle 16.30, presso l´Auditorium I.T.I.S. "SEVERI" di Padova il convegno nazionale dal titolo: 
"BES, DSA, PDP... la Scuola alla sagra degli acronimi: esporre al mondo o aiutare a farne parte?"

locandina convegno


PAS e TFA ancora caos: Gilda chiede incontro a Ministero

Una riunione urgente con i capo dipartimenti dell´Istruzione, Luciano Chiappetta, e dell´Università, Marco Mancini, per chiarire la spinosa questione dei Pas e dei Tfa.
A chiederla è la Gilda degli Insegnanti che sta raccogliendo numerose lamentele su tutto il territorio nazionale in merito alle modalità di attivazione dei corsi e sul caos per l´apertura dei nuovi cicli riguardanti i Tfa.
"Moltissime università - denuncia il sindacato - non hanno attivato i Pas per la scuola dell´infanzia e per quella primaria e ci chiediamo quali effetti provocherà la recente decisione con cui la Commissione Europea ha confermato il valore abilitante del diploma magistrale, stabilendo che il concorso era una semplice procedura di reclutamento nella scuola statale.
Da viale Trastevere - prosegue la Gilda - vogliamo sapere perché così tante università non hanno attivato i Pas per tutte le classi di concorso, impedendo ai docenti di frequentarli".
Il sindacato guidato da Rino Di Meglio punta infine i riflettori sulle 150 ore per il diritto allo studio negate in molte regioni nonostante la deroga concessa dal ministero ai contingenti previsti inizialmente


Le graduatorie definitive per la fruizione delle 150 ore

graduatoria infanzia 150 ore 2014
graduatoria elementari 150 ore 2014

graduatoria media 150 ore 2014
graduatoria superiori 150 ore 2014
decreto pubblicazioni graduatorie definitive


PAS: bando università di Catania

Si fa presente che con D.R. n. 424 del 10.02.2014, è stato pubblicato l’elenco delle classi di concorso P.A.S. attivate con Catania quale unica sede.
Si è in attesa, da parte dell’ Ufficio Scolastico della Regione Sicilia, dell’assegnazione dei candidati per i P.A.S. da svolgersi su più sedi universitarie. A tal fine, si segnalano le seguenti classi con a fianco indicata la disponibilità dell’Ateneo di Catania circa il numero di candidati da ammettere a ciascun corso:
Classe - Candidati
A017 -25    A019 -25    A033 -32    A036 -15    A037 -18    A039 -22    A042 -20    A047 -16    A048 -20    A049 -20      A059 -25    A060 -30    A245 -16    A246 -25    A346 -30

Decreto università di Catania sui PAS
Elenco dei candidati aventi diritto ai PAS Università di Catania


Comunicato sindacale unitario contro la gestione assessoriale regionale della scuola sul ridimensionamento. Anche il sindacato dei dirigenti  scolastici ANP aderisce alla protesta

Nella giornata del 10 febbraio scorso tutti i sindacati della scuola, compreso la parte sindacale dei DS che sono iscritti all'ANP, abbandonano il tavolo delle trattative sul ridimensionamento scolastico a causa di un atteggiamento fortemente lesivo delle realtà scolastiche con proposte che, di fatto, peggiorano il servizio scolastico regionale.

Comunicato congiunto di protesta


Scatti: la FGU presenta emendamenti in Senato

La Federazione Gilda-Unams è intervenuta ieri pomeriggio in audizione alla VII Commissione Cultura del Senato, impegnata nell´esame del disegno di legge di conversione del decreto legge del 23 gennaio 2014, n. 3, approvato dal consiglio dei ministri il 17 gennaio scorso.
Il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, ha illustrato ai senatori la questione degli scatti, ribadendo che sono finanziati da risorse contrattuali e che, dunque, non privilegiano gli insegnanti rispetto agli altri dipendenti pubblici. Di Meglio ha inoltre sottolineato l´ingiusto prelievo effettuato dal ministero dell´Economia sui risparmi derivanti dai tagli della legge Gelmini, che dovevano essere destinati agli scatti e invece sono stati spesi per altri scopi.
Il coordinatore della Fgu ha presentato una serie di emendamenti per recuperare lo scatto del 2013, oltre che quello del 2012, e ha chiesto il ripristino delle posizioni economiche del personale ata.
Di Meglio ha infine sottolineato che l´anzianità di servizio, riconosciuta ai docenti in tutti i Paesi europei, in Italia è la più bassa in termini assoluti e che, secondo il rapporto Ocse, tra il 2001 e il 2010, in controtendenza rispetto ad altri Paesi europei, la spesa per studente è calata dell´8%.


Logo inps

Pensioni, proroga dei termini

Si comunica che il termine finale previsto per il 7 Febbraio 2014, per la presentazione, da parte del personale Docente ed A.T.A, delle domande di collocamento a riposo avente decorrenza 1° Settembre 2014, viene prorogato al 14 Febbraio 2014
Ne da notizia il Miur con un avviso del Gestore.
L´avviso è consultabile su istanze on line.


La Gilda di Catania offre un ulteriore servizio. Per i colleghi iscritti che devono completare la pratica per andare in pensione in un patronato, possono venire in sede e esperire quanto richiesto

occorre:
-documento di riconoscimento;
-coordinate bancarie (IBAN) dove canalizzare la pensione oppure le coordinate dell'ufficio postale dove accreditare la pensione;
-codice fiscale anche dell'eventuale cointestatario del conto bancario o postale


Le graduatorie provvisorie per la fruizione delle 150 ore, CCNI regionale 150 ore per i pas, tabella siciliana sulle 150 ore, modello richiesta ferie e modello diffida non godute per supplenti

graduatoria provvisoria  infanzia 150 ore 2014
graduatoria provvisoria  elementari 150 ore 2014

graduatoria provvisoria  media 150 ore 2014
graduatoria provvisoria  superiori 150 ore 2014
decreto pubblicazioni graduatorie provvisorie
CCNI Sicilia PAS 150 ore 2014
situazione nelle provincia siciliane dei fruitori 150 ore 2014
modello richiesta ferie non godute precari
modello diffida ferie non godute precari


MOF, resi noti gli importi per il 2013-2014

Il Miur, con nota n. 917 del 27 gennaio 2014 ha reso noti gli importi del MOF lordo Stato e lordo dipendente per l´a.s. 2013/14 finalizzati a retribuire gli Istituti contrattuali del personale del comparto scuola.
Il file del MOF 2013/14, comprensivo dei parametri di riferimento citati nell´Intesa del 26 novembre 2013 e relativo calcolo, evidenzia gli importi sia dei 4/12 riferiti al periodo settembre dicembre 2013 e sia degli 8/12 del periodo gennaio-agosto 2014.
Dette somme riguardano il fondo d´istituto, le funzioni strumentali, gli incarichi specifici e le ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti.
Gli importi dei progetti della c.d. pratica sportiva saranno assegnati a conclusione della rilevazione predisposta dalla competente Direzione Generale dello Studente.

nota n. 917 MOF  del 27 gennaio 2014
MOF 4/12 2013 e 8/12 2014 singole scuole in Italia


Scatti, accelerare trattativa e recuperare MOF anni passati

"L´incontro di oggi segna un passo avanti e apprezziamo che il ministero abbia inviato all´Aran l´atto di indirizzo relativo al piano triennale di assunzioni che per il prossimo anno scolastico prevede l´immissione in ruolo di 12.625 docenti, 1.604 insegnanti di sostegno e 4.317 ata, mentre per l´anno corrente conferma 4.447 posti di sostegno".
Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta la riunione avvenuta questa mattina a viale Trastevere tra i sindacati e il ministro dell´Istruzione, Maria Chiara Carrozza.
"Al ministro - spiega Di Meglio - abbiamo sollecitato una generale velocizzazione dell´azione amministrativa: per quanto riguarda il contratto sulla mobilità, soltanto per citare un esempio, in attesa del visto dei ministeri dell´Economia e della Funzione Pubblica, la tabella di marcia registra già 4 mesi di ritardo che inevitabilmente si ripercuoteranno sul corretto avvio delle attività didattiche".
Sul fronte degli scatti, la Gilda ha chiesto di spingere l´acceleratore sulla trattativa e di recuperare le risorse del Mof non spese negli anni passati, così da incidere in maniera meno pesante sul Mof corrente, scongiurando il rischio che le progressioni di carriera vengano assegnate in base a una sorta di lotteria.
"Inoltre - spiega ancora Di Meglio - abbiamo richiamato l´attenzione del ministro sulle posizioni stipendiali del personale ata, ribadendo l´ingiustizia di togliere soldi per un lavoro già svolto a una categoria professionale già economicamente debole".
"Infine, alla proposta della Carrozza di rivedere il sistema degli scatti, - conclude il coordinatore nazionale della Gilda - abbiamo messo in chiaro che, prima di intavolare una discussione in merito, vogliamo essere certi di poter contare su maggiori risorse. Non bisogna dimenticare, infatti, che già oggi l´anzianità di servizio dei docenti italiani è tra le meno riconosciute rispetto al resto dei Paesi economicamente avanzati".


Pubblichiamo gli elenchi definiti PAS con gli esclusi

Decreto di pubblicazione elenchi PAS
elenchi PAS ammessi dopo i ricorsi

elenchi PAS esclusi dopo i ricorsi


PAS: requisiti di accesso e ambiti disciplinari

Il MIUR con la nota 475 del 21 gennaio 2014, ha fornito un chiarimento sui titoli di accesso per i PAS delle classi di concorso che appartengono ad ambiti disciplinari.
Le disposizioni contenute nel Decreto Ministeriale n. 354/98, costituivo degli Ambiti Disciplinari, già utilizzate per i titoli di abilitazione conseguiti attraverso le SSIS e, in analogia, alle abilitazioni conseguite attraverso i percorsi di TFA, possono essere applicate anche ai percorsi Abilitanti Speciali.
Pertanto, per le classi di concorso ricomprese in ambiti disciplinari, in deroga a quanto previsto dal D.M. 39/98, i titoli di accesso sono quelli elencati nel sopracitato D.M. 354/98 e successive modificazioni ed integrazioni.

nota 475 sui PAS titoli di ammissione  del 21 gennaio 2014


Pensioni: chiarimenti sui requisiti anagrafici e contributivi

Il Miur con la nota n. 481 del 21 gennaio 2014 risponde ai numerosi quesiti relativi ad alcuni dubbi interpretativi sui requisiti anagrafici e contributivi utili per la presentazione delle istanze di cessazione del personale scolastico e della domanda di pensione.
Opzione donna
Per il personale di sesso femminile che opta per la liquidazione della pensione col sistema contributivo ai sensi dell´art.1 comma 9 della legge 243/04 (57 anni e 35 di anzianità contributiva) il requisito anagrafico dei 57 anni deve intendersi di 57 anni e 3 mesi, in considerazione dell´aumento della speranza di vita.
Pensione anticipata e penalizzazione
In merito alla pensione anticipata e alla possibilità di penalizzazione nel trattamento pensionistico per i dipendenti che siano in possesso di un´età inferiore ai 62 anni, si fa presente che tale penalizzazione in termini di riduzione percentuale del trattamento pensionistico non trova applicazione nei confronti di coloro che maturano il requisito contributivo entro il 2017, qualora l´anzianità contributiva derivi da prestazione effettiva di lavoro, ivi inclusi periodi di fruizione dei permessi ai sensi dell´art.33 comma 3 Legge 104/92 e successive modifiche.
Art.11 bis del D.L.102/2013 convertito in Legge 124/2013
Si applicano anche al personale della scuola le disposizioni contenute nell´art.11 bis del D.L.102/2013 convertito in Legge 124/2013: possono cessare secondo i vecchi requisiti i lavoratori che, nel corso dell´anno 2011, risultavano essere in congedo ai sensi dell´art.42, comma 5, del d.lgs. 151/2001 o aver fruito di permessi ai sensi dell´art.33, comma 3, della Legge 104/92, i quali perfezionino i requisiti anagrafici e contributivi utili a maturare il diritto a pensione secondo la disciplina pre- Fornero entro tre anni dall´entrata in vigore del D.L. 201/2011.
Le istanze per fruire del detto beneficio dovranno essere presentate alle competenti Direzioni Territoriali del Lavoro entro il 26 febbraio 2014. Le domande al Miur potranno essere presentate anche in modalità cartacea dopo la scadenza del termine del 7 febbraio 2014 e saranno convalidate dal SIDI in data successiva.

nota n. 481 del 21 gennaio 2014 requisiti pensione


Dal MEF nessun blocco delle assunzioni degli insegnanti di sostegno

L´iter procedurale del provvedimento è stata completato in pochi giorni, anche durante le festività.In merito alle richieste di rimuovere il presunto "blocco" delle assunzioni degli insegnanti di sostegno, il Ministero dell´Economia e delle Finanze (MEF) precisa quanto segue.
Il Ministero dell´Istruzione ha inviato al Ministero dell´Economia il decreto interministeriale MIUR-MEF di rideterminazione delle dotazioni organiche dei posti di sostegno in data 19 dicembre 2013, insieme alla richiesta di autorizzazione all´assunzione del primo nucleo di insegnanti.
Nei dieci giorni lavorativi successivi, inclusi quelli tra Natale, Capodanno ed Epifania, la Ragioneria Generale dello Stato ha effettuato le verifiche prescritte ed espresso parere positivo tanto sul decreto quanto sulla richiesta di assunzione, fatti salvi gli ulteriori adempimenti del MIUR.
Nelle prossime ore il decreto, controfirmato dal Ministro Fabrizio Saccomanni, verrà restituito al MIUR, mentre il parere favorevole all´assunzione verrà trasmesso agli uffici del Ministro per la Pubblica Amministrazione.
Il Dipartimento della Funzione Pubblica predisporrà lo schema del Decreto del Presidente della Repubblica necessario per il completamento dell´iter di assunzione che potrà essere sottoposto quanto prima al Consiglio dei Ministri.


Il Miur autorizza i PAS per infanzia e primaria

Con nota prot. n. 77  il Miur comunica che provvederà ad autorizzare i percorsi abilitanti speciali (PAS) per la scuola dell´infanzia e primaria per l´a.a. 2013-2014 prioritariamente presso gli atenei già sede dei corsi di laurea in scienze della formazione primaria classe LM-85bis.
Al fine di permettere l´inserimento dell´offerta formativa potenziale da parte delle relative università, dal 14 al 24 gennaio 2014 la banca dati sarà riaperta al fine dell´aggiornamento dei dati inseriti.  Sarà consentito da parte dei singoli atenei inserire i dati relativi all´utenza sostenibile, in un´ottica di programmazione pluriennale, relativamente agli a.a. 2013-14, 2014-15 e 2015-16.
Acquisite tali informazioni, si legge nella nota, sarà cura del Ministero provvedere tempestivamente ai provvedimenti di autorizzazione dei relativi percorsi abilitanti speciali (PAS)

attivazione PAS infanzia e primaria


Iscrizioni on line dal 3 al 28 febbraio

Il Miur, con la circolare n. 28 del 10 gennaio 2014, ha diramato le istruzioni per le iscrizioni alle scuole dell´infanzia ed alle scuole di ogni ordine e grado per l´a.s. 2014- 2015.
Le iscrizioni dovranno essere effettuate esclusivamente on line per le prime classi della scuola primaria e secondaria di I e II grado. Sono escluse da tale procedura le iscrizioni alla scuola dell´infanzia.
Le domande potranno essere presentate a partire dal 3 fino al 28 febbraio 2014.
La registrazione da parte delle famiglia al portale dedicato, sul sito del Miur, sarà possibile a partire dal 27 gennaio.
La registrazione al servizio, infatti - novità di quest´anno - può essere effettuata prima dell´apertura ufficiale delle iscrizioni on line e rimarrà attiva fino al 28 febbraio.
Sempre con anticipo sull´avvio delle procedure di iscrizione, viene messa in linea la pagina dedicata  che consente alle famiglie di esplorare con calma le informazioni relative alla ricerca della scuola, alle modalità di registrazione e di compilazione della domanda. 


Scatti 2012: restituirli subito ai docenti o sarà sciopero

"Siamo stanchi di aspettare: vengano restituiti ai docenti gli scatti stipendiali 2012 o sarà sciopero generale".
A lanciare l´aut aut al Governo è la Gilda degli Insegnanti, decisa a dichiarare guerra se la questione delle progressioni di carriera, che si trascina ormai da troppo tempo, non troverà una rapida e concreta soluzione.
"La politica di questo Governo in materia scolastica è estremamente negativa: è indecente chiedere con una norma retroattiva la restituzione dei soldi a una categoria che già si trova sull´orlo dell´impoverimento - afferma il coordinatore nazionale della Gilda, Rino Di Meglio, riferendosi alla nota 157/2013 pubblicata dal Mef il 27 dicembre -. Il Governo è sempre pronto a mettere le mani nelle tasche dei cittadini ma se la prende comoda quando si tratta di ridare ciò che è dovuto. Riteniamo totalmente inaccettabile il prelievo forzoso deciso dal ministero dell´Economia nelle buste paga degli insegnanti già ridotte all´osso e doppiamente penalizzate dal mancato rinnovo del contratto e dal blocco degli scatti 2013".
"Indiciamo subito lo stato di agitazione e alla riapertura delle scuole avvieremo immediatamente la procedura di conciliazione con il Governo. Se non arriverà subito l´atto di indirizzo per il pagamento degli scatti 2012 - conclude Di Meglio - il 10 gennaio, quando si riunirà il consiglio nazionale della Federazione Gilda-Unams, stabiliremo la data dello sciopero generale".


Pubblichiamo il decreto, la graduatoria provvisoria, lo schema valutazione titoli e il modulo reclamo del concorso scuola dell'infanzia

decreto di pubblicazione graduatoria provvisoria concorso infanzia
graduatoria provvisoria concorso infanzia
schema valutazione titoli
modulo reclamo avverso la graduatoria provvisoria infanzia


Pensioni 2014: pubblicati decreto e circolare

Il Miur ha emanato il decreto n. 1058 del 23 dicembre 2013 e la nota prot. n. 2855 (di pari data), relativi alle cessazioni dal servizio del personale della scuola a far data dal 1 settembre 2014.
Il termine ultimo per la presentazione, da parte del personale, docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola, delle domande di collocamento a riposo per compimento del limite massimo di servizio, di dimissioni volontarie dal servizio, di trattenimento in servizio, oltre il raggiungimento del limite di età a valere, per gli effetti, dal 1° settembre 2014, nonché per la eventuale revoca di tali domande, è fissato a venerdì 7 febbraio 2014.
Il termine del 7 febbraio 2014 deve essere osservato anche da coloro che, avendo diritto alla cessazione per aver raggiunto la "quota" 96 entro il 31 dicembre 2011 e non avendo compiuto ancora i 65 anni di età chiedono la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con contestuale attribuzione del trattamento pensionistico, purché ricorrano le condizioni previste dal decreto 29 luglio 1997, n. 331 del Ministro per la Funzione Pubblica. La medesima possibilità sussiste per coloro che hanno i requisiti per la pensione anticipata (41 anni e 6 mesi per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini) e non hanno ancora conseguito i requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia.
Le domande di cessazione dal servizio e le revoche delle stesse devono essere presentate esclusivamente con la procedura web POLIS "istanze on line", disponibile nel sito internet del Ministero (www.istruzione.it).
Le domande di pensione dovranno essere inviate direttamente all´Ente Previdenziale (INPS, gestione ex INPDAP), esclusivamente attraverso le seguenti modalità:
- presentazione della domanda on-line, accedendo al sito dell´Istituto, previa registrazione
- presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164)
- presentazione telematica della domanda attraverso l´assistenza gratuita del Patronato.

Tali modalità saranno le uniche ritenute valide ai fini dell´accesso alla prestazione pensionistica. Si evidenzia che la domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà procedibile fino a quando il richiedente non provveda a trasmetterla con le modalità sopra indicate.
Nel ricordare che presso ogni sede Gilda i colleghi potranno ricevere consulenza ed assistenza specifica, pubblichiamo una scheda riepilogativa  in cui il responsabile nazionale del Dipartimento Previdenza e Pensioni della Gilda risponde alle domande più importanti.

decreto n.1058 pensionamenti 2014/2015
nota esplicativa pensioni 2014/2015
scheda riepilogativa pensioni 2014/2015


TP: ripristinare ore insegnamento tagliate dalla Gelmini

Rivedere l´impianto della riforma Gelmini che, a quattro anni dal suo avvio, ha dimezzato o addirittura eliminato le ore di didattica in laboratorio affidate agli insegnanti tecnico pratici.
A chiederlo è la Fgu-Gilda degli Insegnanti in occasione delle imminenti scadenze per la definizione degli organici e alla luce della sentenza con cui l´8 aprile scorso il Tar del Lazio ha giudicato illegittimi i tagli all´orario degli istituti tecnici e professionali.
"Nello specifico - spiega La Fgu-Gilda - è necessario ripristinare il numero delle ore di attività di laboratorio pari o quantomeno rapportabili dignitosamente al monte ore previsto prima del riordino. Inoltre va estesa a tutti gli ordini di scuola l´attivazione degli uffici tecnici con l´inserimento della figura dell´insegnante tecnico pratico, sulla base del proprio campo di specializzazione.
Infine - conclude il sindacato - bisogna dare la possibilità ai docenti Itp in possesso dei requisiti per altri insegnamenti di accedere, se lo richiederanno, ad altre classi di concorso".


Mobilità 2014-2015, le principali novità del CCNI

In data 17 dicembre al Miur i sindacati hanno siglato il testo del Contratto Nazionale sulla Mobilità del personale della scuola per l´a.s. 2014-2015. 
Il testo dell´Ipotesi di CCNI e la relativa relazione illustrativa sono stati trasmessi ieri all´Uff. VIII della Dir. Gen. per la politica finanziaria e per il bilancio. 
Dopo l´approvazione della Funzione Pubblica,  con ordinanza ministeriale saranno fissate le date per la presentazione delle domande.


PAS: le domande per le 150 ore di diritto allo studio. Scadenza 10 gennaio. I giorni di chiusura totale dell'USP di Catania

circolare diritto allo studio PAS proroga termini
giorni di chiusa festivi USP Catania


Intesa Stato-Regioni sezioni primavera

Intesa Stato-Regioni sezioni primavera
modello domanda scheda A
modello domanda scheda B
tabella allegata punteggi


Ulteriori graduatorie definitive ulteriormente rettificate del concorso. Le discipline coinvolte sono: A034, A345 e A346

graduatoria definitiva ulteriormente rettificata concorso A034
graduatoria definitiva ulteriormente rettificata concorso A345
decreto graduatoria ulteriormente rettificata definitiva A0346
decreto definitiva ulteriormente rettificata concorso A345 e 346
decreto graduatoria definitiva ulteriormente rettificata A034


Gli ammessi ai PAS, l'elenco complessivo e gli esclusi, modulo ricorso. Elenco ammessi ai corsi di formazione per il sostegno degli insegnanti in esubero

Elenco complessivo provvisorio PAS
Elenco complessivo ammessi PAS
Elenco complessivo esclusi PAS

Reclamo avverso esclusione dai PAS
determina USR sugli ammessi ai corsi per il sostegno insegnanti in esubero
elenco ammessi al corso di formazione insegnati in esubero


Specializzazione sostegno, chiarimenti dal Miur

Il Miur con nota prot. n. 13190 di data odierna, risponde in merito alla  possibilità di partecipazione ai corsi di specializzazione per il sostegno, indetti con D.M. 706/2013, da parte dei docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l´anno scolastico 2001/02 ai sensi del D.M. 10 marzo 1997.
La partecipazione ai suddetti corsi, chiarisce la nota, non può essere estesa anche ai docenti in possesso del solo diploma magistrale conseguito entro l´a.s. 2001/02.
Infatti, come disposto dall´art. 13 del D.M. 10 settembre 2010 n. 249, ai corsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni diversamente abili possono accedere elusivamente gli insegnanti in possesso dell´abilitazione valida per l´immissioni in ruolo.

Strepitoso successo della manifestazione unitaria di sabato a Roma

Quando il mondo della scuola si muove compatto e determinato i risultati e gli obiettivi si raggiungono, infatti, mentre una moltitudine di lavoratori del mondo della scuola si riuniva a Roma sotto il Palazzo del MIUR, raccolti sotto le bandiere dei propri sindacati di riferimento, arrivava la notizia che la ministro Carrozza rilasciava pubblica dichiarazione che avrebbe avviato, entro 48 ore, le procedure di indirizzo all'Aran per il recupero dello scatto 2012. Non è che questo risolva tutti i problemi posti sul tappeto dai sindacati ma va ne senso voluto. La lotta iniziata dalla Gilda degli Insegnati, che ha trascinato tutti gli  altri sindacati, per il recupero di tutti e tre anni degli scatti di anzianità trova il suo epilogo. Ora la battaglia si deve fare più serrata ed intensa per una rivalutazione economica e sociale del ruolo della docenza e dei lavoratori della scuola, in difesa della scuola pubblica, la scuola di tutti.


Firmata l'intesa sindacale sul MOF e un interessante articolo pubblicato su "La Tecnica della Scuola"

intesa sindacale sul MOF
articolo su "La Tecnica della Scuola"


Corsi di sostegno per i collegi precari

Bando dell'Università di Enna


Incontro Miur: "Basta tagli alla scuola"

Scatti di anzianità, spending review, Invalsi, Bes e contratto. Ecco i principali argomenti di cui hanno discusso i sindacati della scuola e il ministro dell´Istruzione, Maria Chiara Carrozza, durante l´incontro che si è svolto questa mattina a viale Trastevere.
"Il ministro - spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti - ci ha comunicato l´avvenuta certificazione dei risparmi derivanti dai tagli e noi abbiamo chiesto che si provveda rapidamente con l´atto di indirizzo all´Aran per recuperare lo scatto di anzianità relativo al 2012".
La Gilda ha poi espresso preoccupazione per la spending review, sostenendo che "non c´è più spazio per operare ulteriori tagli alla scuola, settore strategico già ampiamente saccheggiato e che, se fosse costretto ad altri sacrifici, rischierebbe di chiudere".
Per quanto riguarda Invalsi e Bes, Di Meglio ha ribadito che "bisogna smettere di scaricare sulle spalle degli insegnanti oneri non di loro competenza" e che, invece, è necessario "sburocratizzare la scuola".
Sul fronte contrattuale, poi, la Gilda si è dichiarata disponibile a discutere del rinnovo soltanto se le risorse economiche sono realmente disponibili e se viene fatta chiarezza su quali materie sono di competenza contrattuale e quali dell´amministrazione. Un chiarimento che, secondo Di Meglio, "deve avvenire anche attraverso la riforma del decreto Brunetta".
Il coordinatore nazionale della Gilda ha infine esortato il ministro a intensificare le relazioni sindacali e a instaurare un dialogo più proficuo con le organizzazioni che rappresentano una parte così rilevante del mondo della scuola come i docenti.


Cambiamo la Legge di Stabilità: 30 novembre, manifestazione a Roma

"Cambiamo la legge di stabilità. No alla doppia penalizzazione del blocco dei contratti nazionali e degli scatti di anzianità. No a incursioni legislative in materia contrattuale".
Questi in sintesi gli obiettivi della mobilitazione indetta unitariamente dai sindacati scuola firmatari del contratto, che insieme manifesteranno a Roma il 30 novembre prossimo.
Le organizzazioni sindacali chiedono e rivendicano che Governo e Ministero aprano il confronto per:
►  il rinnovo del contratto nazionale e il pagamento degli scatti di anzianità a partire dall´annualità 2012
► un piano pluriennale di investimenti per allineare la spesa per istruzione alla media europea
► la stabilità degli organici con l´introduzione dell´organico funzionale e pluriennale
► continuità e prospettiva per il personale precario con un piano pluriennale di assunzioni che copra tutti i posti disponibili e
vacanti per docenti, personale educativo ed ATA
► un piano nazionale di formazione per docenti, personale educativo, ATA e dirigenti, sostenuto da adeguate risorse
► certezza, tempestività e regole omogenee nel pagamento delle retribuzioni per tutti, a partire dal personale a tempo determinato
► il rispetto dei diritti contrattuali, delle posizioni economiche orizzontali del personale ATA
► la revisione della riforma Fornero, per restituire al personale certezze sull´accesso al pensionamento.
La manifestazione avrà inizio con un presidio in piazza Monte Citorio alle ore 10, dopodiché i manifestanti si sposteranno al teatro Quirino, dove interverranno i segretari generali di categoria.
All´´incontro al Quirino sono stati invitati a intervenire anche i responsabili scuola delle forze politiche presenti in Parlamento, ai quali è stata inviata una lettera che illustra le ragioni della mobilitazione.

volantino manifestazione 30 novembre
lettera al Governo e al ministro
lettera ai partiti


Corsi di sostegno per i collegi precari

Bando dell'Università di Messina
 
Riservato ai Precari della scuola.
Tassa di parrtecipazione alla selezione 151€.
Scadenza il 10 dicembre.
costo totale del Corso 3.002€

http://diventareinsegnanti.orizzontescuola.it/2013/10/03/corso-specializzazione-sostegno-a-a-201314-bandi-costi-e-scadenze-per-ogni-universita/


Mobilità, continua la manutenzione del testo del CCNI

 

Nell´ incontro si è soffermati sul D.L. 104/13 - il c.d. Decreto Carrozza sulla Scuola - appena convertito in legge, ed in particolare sugli aspetti che incidono sulla mobilità.
Infatti al tavolo di confronto con l´ Amministrazione si è parlato dell´ unificazione delle aree del sostegno delle superiori che saranno graduali sia per quanto riguarda le GAE, che vedranno unificare gli elenchi dal triennio 2017/20, che le immissioni in ruolo che continueranno ad essere effettuate distintamente per ciascuna area disciplinare.  Considerato quanto sopra, quindi, si ritiene di non intervenire nella mobilità nell´unificazione del sostegno - in quanto si inciderebbe sia sulle immissioni in ruolo che sulle supplenze - ma di rinviarne l´applicazione alle utilizzazioni ed alle assegnazioni provvisorie che sono meno invasive e, soprattutto, hanno dei riflessi solo sulle operazioni annuali che riguardano il personale di ruolo.
Si è affrontata anche la questione relativa agli ITP delle classi di concorso in esubero della C555 e della C999 che potranno transitare sulle classi di concorso per le quali hanno il titolo di studio previsto, nelle 3 fasi della mobilità territoriale, senza dover richiedere il passaggio di cattedra o di ruolo.
Infine, sempre in applicazione del Decreto Carrozza, il vincolo di permanenza quinquennale nella provincia d´ immissione in ruolo previsto dalla L 106/11, è stato ridimensionato e riportato ad un triennio, come introdotto in precedenza dalla L 124/99. Pertanto, gli immessi in ruolo con decorrenza dal 1° settembre 2011 che furono i primi ad essere penalizzati, saranno i primi a beneficiarne, in quanto - scontando con l´ anno scolastico 2013/14 il terzo anno di permanenza nella provincia d´ immissione in ruolo - saranno liberi insperatamente di trasferirsi altrove, partecipando alla mobilità interprovinciale proprio con la prossima domanda di trasferimento.

il decreto 104/13 in pillole
unificazione aree di sostegno scuola superiore


DL istruzione: Parlamento sordo a richieste di modifiche

"Il decreto istruzione" che oggi ha avuto il via libera dal Senato non ha accolto nessuna delle modifiche da noi richieste rispetto al testo approvato dalla Camera. I tempi troppo stretti hanno impedito una discussione approfondita e partorito una legge che presenta molte più ombre che luci".
E´ negativo il giudizio espresso dalla Gilda degli Insegnanti che "salva", ma solo parzialmente, il piano triennale di assunzioni "con cui - spiega - si copre soltanto il turn over e parte dell´organico di diritto".
Pollice verso su tutto il resto, "a partire - sottolinea la Gilda - dall´aumento per i docenti dei carichi di lavoro di carattere burocratico riguardanti l´orientamento. E poi il testo licenziato da Palazzo Madama lascia fuori alcune questioni molto importanti come ‘quota 96´ e la monetizzazione delle ferie dei precari. Silenzio totale - conclude il sindacato - anche su scatti di anzianità e contratto".


Continua lo stillicidio delle graduatorie definitive ulteriormente rettificate del concorso. Le discipline coinvolte sono: A029, A030 e A059

graduatoria definitiva ulteriormente rettificata concorso A029
graduatoria definitiva ulteriormente rettificata concorso A030
decreto graduatoria ulteriormente rettificata definitiva A029 3 A030
graduatoria definitiva ulteriormente rettificata concorso A059
decreto graduatoria definitiva ulteriormente rettificata A059


Conferimento per supplenze sostegno medie e superiore a classi di concorso scuola superiore del il 16 ottobre

supplenza scuola superiore sostegno AD00
supplenza scuola superiore sostegno AD01

supplenza scuola superiore sostegno AD02
supplenza scuola superiore sostegno AD03
supplenza scuola superiore sostegno AD04


Cambiamo la legge di stabilità: in piazza il 30 novembre

La dichiarazione del coordinatore nazionale della Fgu - Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, al termine dell´incontro di oggi:

"La legge di stabilità e il Dpr approvato nei giorni scorsi incidono in maniera molto negativa sui docenti: finora il blocco del contratto ha provocato in media annualmente una perdita di circa 3400 euro per ogni insegnante. Ecco perchè non siamo disponibili a discutere con il Governo di un rinnovo che si limiti all´aspetto normativo senza considerare anche la parte economica. La scuola non è una catena di montaggio e la sua produttività può aumentare soltanto restituendo dignità ai docenti. Ci auguriamo che la manifestazione indetta per il 30 novembre spinga il Governo a darci le risposte che ci attendiamo. In caso contrario non escludiamo la possibilità di proclamare lo sciopero".

Comunicato unitario per rivendicazione di categoria stampalo e diffondilo nella tua scuola


Anche la scuola protesta contro il precariato

Questione di sopravvivenza. Questo è il lavoro dell´insegnante oggi in Italia: impegno, passione, fatica ma pochi riconoscimenti.
Anche da questo governo si sentono abbandonati, perchè la legge di stabilità, dicono i sindacati riuniti oggi a Roma, colpisce chi nella scuola ci lavora.
Nel servizio del TG3, andato in onda, dichiarazione di Rino Di Meglio sulla manifestazione unitaria del 30 novembre a Roma.


28 ottobre - Riunione unitaria sindacati scuola a Roma

L´incontro degli organismi statutari nazionali delle sigle firmatarie del contratto è dedicato a un esame della situazione politico sindacale, secondo quanto deciso nel corso della riunione dei segretari generali svoltasi a settembre che ha ritenuto opportuno convocare unitariamente i gruppi dirigenti per una valutazione complessiva delle misure adottate dal Governo col decreto legge 104/2013 e con la legge di stabilità in corso di definizione.
I lavori si svolgono presso il Centro Congressi Cavour di via Cavour a Roma, con inizio alle ore 11. 


Le graduatorie definitive ulteriormente rettificate del concorso per le discipline A029, A030, A033,  e C430

graduatoria definitiva rettificata concorso A029
graduatoria definitiva rettificata concorso A030
decreto graduatoria rettificata definitiva A029 3 A030
graduatoria definitiva rettificata concorso A033
decreto graduatoria definitiva rettificata A033

graduatoria definitiva concorso rettificata C430
decreto graduatoria definitiva rettificata C430


Convocazioni per supplenze sostegno medie e superiore a classi di concorso scuola superiore per il 16 ottobre

decreto di convocazioni per supplenze scuola media e superiore


Legge di stabilità: azioni legali contro blocco contratto

La Gilda degli Insegnanti annuncia l´avvio di azioni legali contro il blocco del contratto e degli scatti di anzianità previsti dalla legge di Stabilità.
"Da una prima lettura della bozza del provvedimento - spiega il coordinatore nazionale Rino Di Meglio - emerge che anche per i docenti, il cui contratto è fermo già da 5 anni, non ci sarà alcun rinnovo fino al 31 dicembre 2014 senza, per giunta, indennità di vacanza contrattuale. Ciò ridurrà ulteriormente il potere di acquisto degli insegnanti e - aggiunge Di Meglio - inciderà sui docenti che andranno in pensione, sia per il mancato adeguamento dello stipendio, sia perché la liquidazione sarà pagata entro 12 mesi e non 6, come avviene ora".
"La scuola e gli insegnanti - conclude il coordinatore nazionale della Gilda - hanno già ampiamente contribuito al bilancio dello Stato, attraverso i tagli e il blocco degli ultimi 5 anni, e la Gilda degli Insegnanti si mobiliterà con tutti gli strumenti possibili per evitare questa ulteriore stangata".


PAS: riconoscimento dei servizi validi per l´accesso

1. Il servizio prestato dai docenti incaricati di religione non è valutabile ai fini della partecipazione al P.A.S., poiché non riconducibile ad alcuna classe di concorso o tipologia di posto
2. E´ valido il servizio di insegnamento prestato presso le istituzioni scolastiche italiane all´estero.
3. E´ valido il servizio prestato su posto di sostegno, anche senza il possesso del titolo di specializzazione, purché riconducibile alla classe di concorso o alla tipologia di posto richiesta, con il possesso di almeno 180 giorni di servizio nella classe di concorso o tipologia di posto richiesta.
4. E´ valido il servizio giuridico in costanza di contratto. Pertanto, il periodo di congedo per dottorato di ricerca e maternità o congedo parentale è utile ai fini della valutazione del servizio necessario per l´accesso ai PAS, purché se ne sia usufruito in costanza di contratto.
5. E´ valutabile il servizio giuridico del cosiddetto "Salva-precari", compreso quindi quello su progetti regionali ai sensi del DL 134/09 come convertito dalla Legge 167/09 e ai sensi DD.MM. n. 82 e n.100 del 2009, n.68 e 80 del 2010 e DM 92 del 2011. Il servizio è riconosciuto per l´intera durata del progetto.
Fatto salvo il requisito di almeno un anno di servizio nella classe di concorso o tipologia di posto richiesta.
6. Il servizio prestato nei licei musicali è valutabile ai fini della maturazione del requisito dei tre anni di servizio previsto dal DDG 58/13. Tale servizio deve essere obbligatoriamente riferito alla specifica classe di concorso (A031, A032 o A077) dalle cui graduatorie si è stati nominati.
In caso di nomina sulla base delle convenzioni con i Conservatori di Musica previste il candidato può scegliere di imputare il servizio in una delle seguenti classi di concorso: A031, A032 o A077. La scelta deve essere coerente con il titolo di studio di accesso previsto per le suddette classi di concorso.
7. I servizi prestati con contratti atipici, non da lavoro dipendente, ove stipulati nelle scuole non statali per insegnamenti curricolari rispetto all´ordinamento delle scuole stesse e svolti secondo le medesime modalità continuative delle corrispondenti attività di insegnamento delle scuole statali, debitamente certificati con la data di inizio e termine del servizio stesso, sono valutati per l´intero periodo, secondo i medesimi criteri previsti per i contratti di lavoro dipendente.
8. E´ valutabile il servizio svolto nelle scuole paritarie purché sia stato prestato per 180 giorni e sia riconducibile a classe di concorso e alle ore curricolari.
9. E´ valutabile il servizio svolto nei centri di formazione professionale, limitatamente ai corsi accreditati dalle Regioni per garantire l´assolvimento dell´obbligo di istruzione, se il servizio sia stato svolto per l´intera durata del progetto formativo e sia riconducibile a classi di concorso in base alle tabelle di corrispondenza dell´Intesa relativa alle linee guida per la realizzazione di organici raccordi tra i percorsi di istruzione degli istituti professionali statali e i percorsi di istruzione e formazione professionale regionali (Intesa del 16/12/2010).
10. E´ comunque valido, nelle more dell´adozione del nuovo decreto di modifica al D.M. 249/2010, il servizio svolto nell´anno scolastico 2012/13.
11. Sono regolarizzabili le istanze prive di alcune informazioni se sia interpretabile in maniera chiara e univoca la volontà dell´aspirante (es. indicazione dei tre anni di servizio ma mancata indicazione del titolo di studio o degli esami sostenuti/crediti richiesti).


Altra vittoria della Gilda: sui permessi per motivi personali i DS non hanno titolo ad alcun intervento o diniego

I dirigenti scolastici non hanno titolo a precludere ai docenti la facoltà di fruire dei permessi per motivi personali. E non hanno nemmeno diritto di interferire sulle decisioni che inducono gli insegnanti a chiederli. E’quanto si evince da una sentenza emessa dal Tribunale di Potenza il 4 ottobre scorso.
Il ricorso è stato patrocinato dalla Gilda degli Insegnanti di Potenza e la difesa tecnica è stata assunta dall’avv. Enzo Faggella, legale di fiducia del Sindacato. L’Ufficio scolastico è stato condannato a pagare 1800 euro di spese legali in solido con il dirigente scolastico. Riportiamo di seguito alcuni obiter dicta della sentenza:
“Dalla lettura combinata del comma 2 dell'art 15 con l'art. 13, comma 9, che subordina le ferie del docente, nel corso delle attività didattiche, a specifiche condizioni ed al potere organizzativo del dirigente, si evince che il diritto ai tre giorni di permesso retribuito non è soggetto ad alcun potere ­ discrezionale o di diniego da parte di quest'ultimo.”.
“….il diniego del dirigente, motivato tra l'altro sulla scorta della esistenza di attività didattiche in corso (il che equivale ad introdurre per i permessi le stesse limitazioni che l'art. 13 prevede solo per una parte delle ferie) e di considerazioni (inammissibili) sul quando e sul come il lavoratore avrebbe potuto effettuare il programmato viaggio, appare illegittimo.”.

LA SENTENZE DEL TRIBUNALE DI POTENZA


Mappa del sito


Links Utili